“Cara Nokia…

…ti scrivo.

Sono un tuo vecchio caro fan.

Ti ho sempre difeso a spada tratta quando “la febbre” dell’iPhone contagiava tutti quelli che hanno iniziato a “smessaggiare” con te;

ti ho sempre difeso anche quando il mio ultimo Nokia, l’N78, mi ha abbandonato dopo neanche un anno e mezzo;

ti ho sempre difeso anche quando Android iniziava a diffondersi e mi sentivo un traditore quando, per la realtà dei fatti, sono passato ad Android con un HTC.

Oggi, però, mi hai profondamente delusa.

Si, perchè invece di puntare il tutto per tutto su s.o. open come il tuo MeeGo o Android, ti sei “piegata” a Windows 7 Phone.

Che dirti: è stato un piacere essere un tuo fedele “seguace” per tutto questo tempo.

Rimpiangerò per sempre le tue pietre miliari come il 3310/3330, l’N70, l’N73, ecc.ecc..

Un tuo caro fan.”

Ciao a tutti.

Scusate la breve premessa poetica (visto che poeta che sono 😀 ?) ma oggi, Venerdì 11 Febbraio 2011, è una data epocale per Nokia.

Si, perchè il suo CEO (Chief Executive Officer, l’amministratore delegato, il capo insomma) Stephen Elop, ha annunciato una partnership con Microsoft e il suo Windows 7 Phone: dal prossimo anno, tutti gli smartphone di fascia medio-bassa saranno gestiti dal sistema operativo di mamma Microsoft, quelli di fascia medio-bassa da Symbian.

Diciamo che il nuovo CEO ha voluto giocare in casa (era a capo della divisione Business della Microsoft) e che la Microsoft ha fatto un’altra ottima mossa (l’altra è essersi fatto amico GeoHot).

Tutto questo poteva essere previsto data la comunicazione interna che è girata nei giorni precedenti.

Infatti l’Ovi Store e il Marketplace si “fonderanno”, come tutti i servizi offerti da entrambi: da una parte il Live, il Marketplace (e tutti i contenuti di Zune), Office, dall’altra le mappe Navteq di “Nokia Maps” (Navteq, acquista nel 2008 da Nokia appunto).

Non entro nello specifico ma vi allego un po’ di articoli a riguardo (Nokia Conversations è il blog ufficiale di Nokia, vi consiglio quello):

Nokia Conversations 1, 2, 3 e 4

laRepubblica.it

Nokioteca 1, 2, 3, 4 e 5

MobileBlog 1, 2 e 3

SpazioAndroid

Ilpost

Ed ora veniamo alle considerazioni personali.

Non ho potuto ancora provare Windows 7 Phone e per questo non posso dire com’è ma, da quello che leggo in giro, sembra proprio essere niente male.

Invece ho potuto provare Zune: dopo il mese di prova, stavo quasi per abbonarmi.

Principalmente critico Nokia perchè, con un ampia scelta di s.o. aperti (Maemo, MeeGo, Android, lo stesso Symbian), ha scelto un s.o. chiuso come W7Phone.

Non penso che comprerò mai un Nokia W7Phone (mai dire mai) perchè W7Phone non è il s.o. che fa per me: utilizzo da una Vita quasi tutti i servizi offerti da Microsoft ma per tutti i miei dati mi sono affidato a Google e per questo penso continuerò ad utilizzare Android.

Continuerò ad utilizzare Android soprattutto perchè, a differenza di W7Phone e iOs, non ha bisogno di un computer per essere gestito: mentre i primi due hanno bisogno di programmi che girano bene solo sui rispettivi s.o. (avete mai provato iTunes su Windows e poi su Mac? Un abisso), Android non è legato a nessun programma ed è possibile fare tutto direttamente dallo smartphone (addirittura se si tratta di rootarlo e di cambiare rom).

Per riassumere il pensiero degli utenti comuni (quelle totalmente al di fuori delle “guerre” tra smartphone), invece, utilizzerò un’affermazione che una persona mi disse qualche settimana fa:

“Symbian è sempre distante anni luce: in passato in positivo, ora in negativo!”

In bocca al lupo, cara Nokia.

Ciao!

! 🙂 !

Ps.: un po’ di Nokia che ho toccato:

Nokia personali: 3330, 6600, N78.
Nokia in famiglia: 3210, 3200, due 2600, 2760, due N70 tutt’ora operativi (ad uno non funzionava bene lo schermo e, con 10€ di spesa, l’ho cambiato senza problemi).
Nokia “gestiti”, a cui ho fatto “assistenza”, che ho almeno toccato una volta nella vita: 1100, 1600, 3220, diversi 3310 (solo i miei cugini ne hanno avuti 10), 3100, 3650, 6111, 6210, 6230, 5300, 3510, 3510i, 5110 (lo aveva mio zio con due batterie e la base per caricarle entrambe e mia cugina), 5210, 5220 XpressMusic, 6310i, 6630, 7110, 7710, 7600, 7610, 6101, 6680 (cambiai il product code), 8210, diversi N70 (anche nelle edizioni “Music“), diversi N73 (anche nelle edizioni “Music”), N80, N91, N95 (entrambe le edizioni), N97 Mini, E51, N8, 5228, 5530 XpressMusic, E52, 5800 XpressMusic, E66 ed altri che sicuramente mi sono dimenticato…

8 risposte a ““Cara Nokia…”

  1. @ damigor:
    per il suo bene, questa dovrebbe essere la sua svolta del secolo, anche se la maggior parte dei suoi utenti ne sono amareggiate.
    Sicuramente dovevano fare qualcosa: Symbian, allo stato attuale, non poteva competere con gli altri s.o..
    Ciao!
    ! 🙂 !

  2. Ottime considerazioni! 🙂
    Io non so ancora se sia stato effettivamente un toccasana per nokia o meno l’accordo con ms, glielo auguro vivamente, soprattutto per noi users, che avremmo più terminali da “smanettoni”, ma, se wp7 continua su questa strada di “emulazione” di quanto di cattivo c’è in iOS (sistema chiuso e app controllate), non so quanto gli utenti possano trovarlo interessante…

  3. @ p@sco:
    venendo a conoscenza del miliardino di dollari che ci di mezzo, non so se essere ancora più dubbioso o contento della notizia.
    Ho paura vivamente che tutto questo sia per “indebolire” e poi inglobare Nokia dall’interno: se l’attuale CEO, Stephen Elop, non fosse stato “dipendete” della Microsoft, forse, tutti questi dubbi non ci sarebbero stati.
    Quest’immagine vale più di mille parole.
    Staremo a vedere come si evolverà la situazione: bisogna vedere come Google gestirà la sempre più ampia frammentazione dei suoi device (unico suo grande punto debole, a mio modesto vedere) e fino a che punto Nokia potrà modificare W7Phone su i suoi terminali.
    Ciao!
    ! 🙂 !

  4. @ lupoalberto12:
    Beh a noi comuni mortali sembra tanto un miliardo di dollari, ma per aziende che ne fatturano diverse centinaia sono investimenti non dico quotidiani, ma quasi… 🙂
    Beati loro! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting