Renault Update List – aux

Ciao.

In famiglia abbiamo una seconda Renault, quella di mio padre; questa è tutta di serie, compresa l’autoradio.

Quando la prendemmo mio padre chiese per l’aux e l’usb: per aggiungerli bisognava comprare un “Connection Box” da più di 150€; considerando che con 100€ si trova qualcosa di buono, lasciammo perdere.

Trovai uno schemino che aggiungeva solo l’aux ma che funzionava al 100%: chiesi a loro ma la risposta fu negativa (non sia mai…).

Passato più di un anno ormai, ritrovato lo schemino, l’ho buttata li: ho fatto un “sopralluogo” per vedere se era fattibile, l’ho proposto a mio padre e l’ho fatto: colleghi i cavi, entri in un menù segreto dell’autoradio (quadrato, quadrato, cerchio, x, triangolo 😀 ), attivi l’AUX, fine.

5,30€ di materiali ed un’oretta di lavoro (più il sopralluogo per la disposizione dei cavi).

La guida che ho seguito è questa qui (mirror).

Un breve video per far vedere (sentire) il risultato:

Ciao!

! 🙂 !

Ps.: se vi chiedete cos’è quella voce “SPEED”, ora ve lo spiego.

Le autoradio delle Renault hanno un sistema per auto-adattare il volume in modo che il rumore del motore non copra quello dell’autoradio.

Un esempio spiega tutto: sull’autostrada a 130Km/h e, a meno che l’abitacolo non sia completamente insonorizzato, è inevitabile sentire il rumore del motore (soprattutto se si ha una bassa cilindrata); più aumenta la velocità più il rumore si fa sentire e tutto il resto viene coperto; per evitare di non sentire più l’autoradio, è presente quest’opzione: più il valore è alto, più l’autoradio sarà “sensibile” alla velocità, più si prenderà briga di aumentare il volume dell’autoradio.

Con l’opzione attiva ed ad una sensibilità alta, il volume impostato ad 80Km/h sarà diverso (e più alto) rispetto a quando andrete a 130Km/h.

Lo verificai personalmente su una Megane (II serie) e, se il valore è impostato al massimo, vi ritroverete ad urlare per parlare tra di voi.

Auguri nick!

Panoramica account - Data

 

Ebbene si, sono passati già 10 anni.

Mi ricordo ancora quando ricevetti in regalo il mio primo (ed ultimo) modem 56K ed un mio amico mi aiutò nella creazione della mia prima casella di posta elettronica (questa, quasi in contemporanea con, all’epoca, Inwind).

Naturalmente un nome di fantasia, assolutamente non il nome reale e così, prova che ti riprova, ecco fuori il mio nick.

Auguri, 100 di questi giorni 😉 .

Ciao!
! 🙂 !

 

Ps.: “12” non è a caso ma è l’età che avevo.

Windows Live Spaces addio!

Ciao.

Tempo fa, quando (Microsoft) Messenger era utilizzato a pieno regime, qualche utente aveva attivato anche lo Spaces.

Si, Spaces, non MySpace.

Spaces era una spazio dove gli utenti potevano postare foto, video, pensieri, articoli, ecc.ecc., proprio come su un blog.

Potevano, perchè il 16 Marzo verrà tutto chiuso definitivamente.

Si, Microsoft ha preso una decisione drastica ma, a mio modesto parere, giusta: chiudere definitivamente tutti quei blog, quegli Spaces, che stanno li “a prendere polvere” perchè abbandonati dai rispettivi proprietari (passati a Fessbook…).

C’è un ‘però’: infatti potrete salvare ancora tutto o scegliendo di scaricare tutto lo Spaces sul vostro computer (c’è una comoda utility messa a disposizione dalla Microsoft) o trasferire tutto su piattaforma WordPress, su WordPress.com.

Se sceglierete di trasferire tutto su WordPress.com, il procedimento durerà pochi minuti e sarà tutto automatico, quindi non iniziate a disperare.

Io ho effettuato sia il backup offerta dalla Microsoft, sia un personale backup, sia il trasferimento su WordPress.com (rendendo il blog il più privato possibile).

Si, anche io avevo il mio piccolo ‘Spazio’, ma non ci ho scritto molto sopra: il primo articolo risale al 19 ottobre 2007 e l’ultimo al 5 aprile 2009, con un totale di 31 “articoli”.

Ecco qui l’avviso che vi viene presentato ora prima di farvi accedere al vostro Spaces (cliccate per ingrandire):

Avviso

Prima del trasferimento (cliccate per ingrandire):

Prima trasferimento

Dopo il trasferimento (cliccate per ingrandire):

Dopo trasferimento

 

Lo stile dello Spaces quando era sullo Spaces me lo fece una mia amica che era specializzata nella “decorazione” degli Spaces.

Che dire: procedete al più presto al salvataggio del vostro Spaces, se ci tenete.

Ricordo che il termine scade il 16 Marzo (tra meno di tre giorni).

Ciao!
! 🙂 !

 

Ps.: giusto ad onore di cronaca: in quei tempi molti utenti utilizzavano gli Spaces come propri siti: quante volte mi è capitato di cercare delle guide e di ritrovarmi su uno Spaces (soprattutto in caso di guide inerenti agli Spaces o a Messenger).

Ps.2: sempre ad onore di cronaca, l’indirizzo era così: nome_utente.spaces.live.com/default.aspx .

Kenwood KDC-BT50U – Aggiornamento modulo Bluetooth

Sono sempre stato fissato dalle autoradio, in particolare dalle Kenwood così, quando mi è toccato scegliere, ho scelto una Kenwood.

Devo dire che questa KDC-BT50U non è che mi soddisfi più di tanto: fin dall’inizio, infatti, non ha funzionato a dovere ed ha già fatto una capatina all’assistenza e mi sa che ci dovrà ritornare.

Nel frattempo, però, ho controllato ed ho visto che è uscito un aggiornamento per il modulo Bluetooth “Kenwood BT CD/R-4P1”, il nuovo firmware ver 3.12 che porta con se migliorie del protocollo A2DP, come la possibilità di cambiare canzone tramite l’autoradio stessa.

Per tutti i file necessari e la “guida ufficiale Kenwood”, andate qui, selezionate il modello di cellulare che possedete (il firmware è lo stesso per tutti i modelli, quindi potete selezionare uno qualsiasi) e seguite le istruzioni per il download dei file.

Vi lascio con un breve video che ho realizzato:

Ciao!
! 🙂 !

“Cara Nokia…

…ti scrivo.

Sono un tuo vecchio caro fan.

Ti ho sempre difeso a spada tratta quando “la febbre” dell’iPhone contagiava tutti quelli che hanno iniziato a “smessaggiare” con te;

ti ho sempre difeso anche quando il mio ultimo Nokia, l’N78, mi ha abbandonato dopo neanche un anno e mezzo;

ti ho sempre difeso anche quando Android iniziava a diffondersi e mi sentivo un traditore quando, per la realtà dei fatti, sono passato ad Android con un HTC.

Oggi, però, mi hai profondamente delusa.

Si, perchè invece di puntare il tutto per tutto su s.o. open come il tuo MeeGo o Android, ti sei “piegata” a Windows 7 Phone.

Che dirti: è stato un piacere essere un tuo fedele “seguace” per tutto questo tempo.

Rimpiangerò per sempre le tue pietre miliari come il 3310/3330, l’N70, l’N73, ecc.ecc..

Un tuo caro fan.”

Ciao a tutti.

Scusate la breve premessa poetica (visto che poeta che sono 😀 ?) ma oggi, Venerdì 11 Febbraio 2011, è una data epocale per Nokia.

Si, perchè il suo CEO (Chief Executive Officer, l’amministratore delegato, il capo insomma) Stephen Elop, ha annunciato una partnership con Microsoft e il suo Windows 7 Phone: dal prossimo anno, tutti gli smartphone di fascia medio-bassa saranno gestiti dal sistema operativo di mamma Microsoft, quelli di fascia medio-bassa da Symbian.

Diciamo che il nuovo CEO ha voluto giocare in casa (era a capo della divisione Business della Microsoft) e che la Microsoft ha fatto un’altra ottima mossa (l’altra è essersi fatto amico GeoHot).

Tutto questo poteva essere previsto data la comunicazione interna che è girata nei giorni precedenti.

Infatti l’Ovi Store e il Marketplace si “fonderanno”, come tutti i servizi offerti da entrambi: da una parte il Live, il Marketplace (e tutti i contenuti di Zune), Office, dall’altra le mappe Navteq di “Nokia Maps” (Navteq, acquista nel 2008 da Nokia appunto).

Non entro nello specifico ma vi allego un po’ di articoli a riguardo (Nokia Conversations è il blog ufficiale di Nokia, vi consiglio quello):

Nokia Conversations 1, 2, 3 e 4

laRepubblica.it

Nokioteca 1, 2, 3, 4 e 5

MobileBlog 1, 2 e 3

SpazioAndroid

Ilpost

Ed ora veniamo alle considerazioni personali.

Non ho potuto ancora provare Windows 7 Phone e per questo non posso dire com’è ma, da quello che leggo in giro, sembra proprio essere niente male.

Invece ho potuto provare Zune: dopo il mese di prova, stavo quasi per abbonarmi.

Principalmente critico Nokia perchè, con un ampia scelta di s.o. aperti (Maemo, MeeGo, Android, lo stesso Symbian), ha scelto un s.o. chiuso come W7Phone.

Non penso che comprerò mai un Nokia W7Phone (mai dire mai) perchè W7Phone non è il s.o. che fa per me: utilizzo da una Vita quasi tutti i servizi offerti da Microsoft ma per tutti i miei dati mi sono affidato a Google e per questo penso continuerò ad utilizzare Android.

Continuerò ad utilizzare Android soprattutto perchè, a differenza di W7Phone e iOs, non ha bisogno di un computer per essere gestito: mentre i primi due hanno bisogno di programmi che girano bene solo sui rispettivi s.o. (avete mai provato iTunes su Windows e poi su Mac? Un abisso), Android non è legato a nessun programma ed è possibile fare tutto direttamente dallo smartphone (addirittura se si tratta di rootarlo e di cambiare rom).

Per riassumere il pensiero degli utenti comuni (quelle totalmente al di fuori delle “guerre” tra smartphone), invece, utilizzerò un’affermazione che una persona mi disse qualche settimana fa:

“Symbian è sempre distante anni luce: in passato in positivo, ora in negativo!”

In bocca al lupo, cara Nokia.

Ciao!

! 🙂 !

Ps.: un po’ di Nokia che ho toccato:

Nokia personali: 3330, 6600, N78.
Nokia in famiglia: 3210, 3200, due 2600, 2760, due N70 tutt’ora operativi (ad uno non funzionava bene lo schermo e, con 10€ di spesa, l’ho cambiato senza problemi).
Nokia “gestiti”, a cui ho fatto “assistenza”, che ho almeno toccato una volta nella vita: 1100, 1600, 3220, diversi 3310 (solo i miei cugini ne hanno avuti 10), 3100, 3650, 6111, 6210, 6230, 5300, 3510, 3510i, 5110 (lo aveva mio zio con due batterie e la base per caricarle entrambe e mia cugina), 5210, 5220 XpressMusic, 6310i, 6630, 7110, 7710, 7600, 7610, 6101, 6680 (cambiai il product code), 8210, diversi N70 (anche nelle edizioni “Music“), diversi N73 (anche nelle edizioni “Music”), N80, N91, N95 (entrambe le edizioni), N97 Mini, E51, N8, 5228, 5530 XpressMusic, E52, 5800 XpressMusic, E66 ed altri che sicuramente mi sono dimenticato…

Che freddo!

Che freddo!

“Quando fa freddo, fa freddo!”

Ecco l’importanza di avere una fotocamera decente sempre con se: aspettavano solo che qualcuno li immortalasse.

Ciao!

! 🙂 !

Ownskin cresce!

Correva l’anno 2007, avevo ancora il mio fedelissimo 6600 ed avevo (appena) compiuto 18 anni.

Come tutti sapete, su Symbian S60 2nd non era possibile mettere come sfondo una propria immagine che occupasse tutto lo schermo (l’immagine personale occupava solo la “striscia” centrale, sopra e sotto c’erano le bande del tema), a meno che non si utilizzassero programmi di terzi.

Siccome per queste cose non mi è mai piaciuto utilizzare programmi di terzi (come qui), volevo crearmi un tema con la mia personale immagine.

I programmi che permettevano di creare temi, all’epoca, erano “Carbide.ui S60 Theme Edition” e “Theme Editor”, due programmi pesantissimi, un po’ complicati, ma soprattutto pesantissimi: con il mio Athlon Xp 2600+ e 1Gb di Ram era una tragedia utilizzarli.

Così, cercando e ricercando (era appena arrivata l’adsl: il numero di “Preferiti” era cresciuto esponenzialmente 😀 ), trovai Ownskin, un fantastico sito che ti permette di creare temi senza problemi.

Questo è l’unico tema che resi pubblico (gli altri sono tutti privati):

Immagine tema Fiat Panda TopTen

Ebbene, sono venuto a sapere che ora si possono creare anche i LiveWallpaper (fonte).

Che dire: è cambiato molto dall’ultima volta che lo utilizzai e il servizio è davvero ottimo.

Se avete fantasia e volete creare qualcosa senza troppe complicazioni, Ownskin è quello che fa per voi (cari amici spettatori…. 😀 ).

Ciao!
! 🙂 !