Sonda Pioneer 10

“Conosci la storia della sonda Pioneer 10?”

“No. Raccontamela.”

“All’inizio degli anni settanta gli americani mandano in orbita una sonda, una delle prime a spingersi fuori dal sistema solare. La Pioneer 10. Ci pensano un po’ su e decidono di inserire una placca d’oro che porti un messaggio per gli extraterrestri. L’idea é: se un ET di passaggio intercetta la navicella avrà modo di sapere qualcosa dell’umanità attraverso un rettangolo grande come un foglio A4, una specie di grosso biglietto da visita.”

“Ma un messaggio scritto? Mica è detto che ET sappia leggere.”

“No, infatti. Nella placca c’è la formula dell’idrogeno, che è l’elemento più abbondante dell’universo, poi il codice binario 01 e la sezione aurea. Ci sono anche i pianeti con la posizione esatta della Terra. E altro che non ricordo. Ma la cosa più interessante sono i disegni di un uomo e una donna nudi di fronte alla navicella.”

“Di che razza?”

“Direi caucasica, lei l’hanno disegnata molto culona, caviglie grosse.”

“Magari era per non far venire i complessi alla signora ET.”

“Forse. Comunque ci sono due cose che mi hanno sempre colpito di questa storia. Lui ha la mano alzata in segno di saluto, lei no.”

“Lei é stronza…”

“Anche lui, perché in realtà non saluta, ma mostra di avere il pollice opponibile. In quel gesto che sembra innocuo c’è tutta l’ambiguità dell’uomo. Ti avvicino con il sorriso, per raccontarti la mia superiorità.”

“Come te.”

“Come me.”

“E la seconda cosa?”

“La seconda cosa è che in una prima stesura uomo e donna si tenevano la mano.”

“E poi?”

“E poi ET avrebbe potuto pensare a un unico essere. E quindi hanno deciso di distinguerli, di non creare nessun contatto.”

“E perché non mettere un bambino?”

“O un vecchio? Al mondo ci sono più vecchi che bambini.”

“O un topo, al mondo ci sono più topi che uomini.”

“Perché quella placca non rappresenta la Terra, ma l’umanità.”

“Allora avrei messo della musica. Il pentagramma é un codice da decifrare. Se decifrano i codici binari, decifrano anche le note.”

“Ci ho pensato anch’io. Ma sarebbe stata una mezza truffa, un modo poetico di raccontarsi, ma non realistico. A me piace l’idea che ci siano quell’uomo e quella donna nudi, sarebbe lo stesso fossero due donne o due uomini, è uguale. Due che non si danno la mano per paura di perdere la loro identità. Che salutano con un gesto che è lo stesso con cui dicono anche alt, fermo.”

“L’hanno recuperata alla fine la sonda?”

“No, credo che sia ancora in orbita.”

“Vuoi dire che dall’altra parte dell’universo ci sono un uomo e una donna nudi vicini ma lontani, che da cinquant’anni non riescono a prendersi per mano?”

“Sì.”

“Suona molto familiare.”

Dodici ricordi e un segreto, Enrica Tesio
Immagine da https://it.wikipedia.org/wiki/Placca_dei_Pioneer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Subscribe without commenting