Aggiornare i Nexus tramite Factory Images 2.0

ATTENZIONE, ho aggiornato l’articolo (vedi edit)!

Ciao.

Quasi due anni fa scrissi delle indicazioni per flashare le immagini delle rom rilasciate da Google (Factory Images) su i Nexus senza perdere i dati.

Oggi ho deciso di riportare di nuovo i comandi presenti nello script fornito da Google ma con gli ultimi cambiamenti, cioè la formattazione di ogni singola partizione, “boot”, “cache”, “recovery”, “system”, “userdata”.

La formattazione di queste partizioni è altamente consigliata quando c’è un “major update”, un cambio di versione come ad esempio da ICS a Jelly Bean o da Jelly Bean a KitKat.

In caso di “minor update”, come ad esempio da 4.4.3 a 4.4.4, formattare le partizioni potrebbe fare andare il Nexus in bootloop, quindi consiglio semplicemente di sovrascriverle.

In caso di bootloop, flashate una custom recovery e fate wipe della “Cache” e della “Dalvik cache”.

Anche in questo caso, ho eliminato tutti i comandi che portano alla cancellazione della partizione dei dati utente, cioè l’opzione ‘-w’ utilizzata con il comando “fastboot -w update nome_immagine” (l’opzione ‘-w’ serve ad eseguire proprio la cancellazione dei dati utenti e della cache (fonte)) ed il comando “fastboot erase userdata” che serve a formattare la partizione dei dati utente.

Bando alle ciance…

Non mi assumo nessuna responsabilità e fate un backup prima di procedere.

…scaricare l’immagine del vostro dispositivo da questa pagina (fate molta attenzione a scaricare quella giusta);
estrarre i componenti dell’immagine nella cartella dove avete l’sdk (in particolare nella sotto-cartella “tools”);
fate un backup di tutti i vostri dati presenti sul Nexus e salvate il tutto sul computer;
entrare nel bootloader (per i Nexus di solito la combinazione di tasti da premere è “Volume -” + “Power”) e collegare il Nexus al computer;
dare i seguenti comandi:

fastboot erase boot
fastboot erase cache
fastboot erase recovery
fastboot erase system
fastboot flash bootloader nome_bootloader.img (di solito “bootloader-nome_modello.img”)
fastboot reboot-bootloader
fastboot flash radio nome_radio.img (di solito “radio-nome_modello.img”)
fastboot reboot-bootloader
fastboot update nome_immagine (di solito “image-nome_modello”)
fastboot reboot-bootloader

Fine.

Devo precisare che nello script, prima di tutto questo, c’è anche un altro comando, “fastboot oem unlock”: nel caso il vostro bootloader non fosse stato già sbloccato, vi avrebbe eliminato di tutti i dati.

Se avevate una custom recovery come “ClockworkMod” o “TeamWin Projects (TWRP)” (consiglio quest’ultima), dovete riflasharla:

fastboot flash recovery nome_recovery (alle volte “recovery-numero_versione.img”, altre “openrecovery-numero_versione.img”)

Infine il root: a me piace il pacchetto confezionato da Chainfire, scaricabile da qui (vi manda sempre all’ultima versione disponibile).

 

Edit: 15/11/2014

Ho avuto dei problemi ad aggiornare ad Android 5.0 (lo script presente dava diversi errori), sopratutto con il comando

fastboot update nome_immagine (di solito “image-nome_modello”)

che non trovava l’immagine di system.

Soluzione?

Estrarre il contenuto del pacchetto contenente le varie immagini (di solito “image-nome_modello.zip”) e flashare tutto manualmente:

fastboot flash boot boot.img
fastboot flash recovery recovery.img
fastboot flash system system.img
fastboot flash userdata userdata.img

L’ultima, “userdata”, consiglio di flasharla SOLO se avete modificato la partizione per i dati o avete usato ROM non stock.

Riavviate e fine.

Ciao!
! 🙂 !

Aggiornare i Nexus tramite Factory Images

ATTENZIONE, vi consiglio di leggere questa guida ma aggiornata cliccando qui!

Ciao.

Non mi assumo nessuna responsabilità e fate un backup prima di procedere.

Due note per flashare le immagini delle rom rilasciate da Google (Factory Images) su i Nexus:

scaricare l’immagine del vostro dispositivo da questa pagina (controllare non una ma dieci volte se è proprio il vostro dispositivo);
estrarre i componenti dell’immagine nella cartella dove avete l’sdk (in particolare nella sotto-cartella “tools”);
fate un backup di tutti i vostri dati presenti sul Nexus e salvate il tutto sul computer;
entrare nel bootloader (ad esempio, per il Nexus S la combinazione di tasti da premere è “Volume +” + “Power”) e collegare il Nexus al computer;
dare i seguenti comandi:

fastboot flash bootloader nome_bootloader.img (di solito “bootloader-nome_modello.img”);
fastboot reboot-bootloader
fastboot flash radio nome_radio.img (di solito “radio-nome_modello.img”);
fastboot reboot-bootloader
fastboot update nome_immagine (di solito “image-nome_modello”);
fastboot reboot-bootloader

Questi sono i comandi presenti nello script fornito da Google ma con una differenza: nel flashare l’immagine non vengono cancellati i dati utente nè la cache.

Infatti, nello script troviamo il comando “fastboot -w update nome_immagine” dove l’opzione ‘-w’ è proprio il comando per la cancellazione dei dati utenti e della cache (fonte).

Se avevate una Clockwork ed il root, vi consiglio di riflashare entrambi magari andando a controllare se è uscita una nuova versione sui siti ufficiali (ClockworkMod ROM Manager e Superuser).

Ciao!
! 🙂 !

Root Wildfire: giusto qualche indicazione

AGGIORNATO

Sto eseguendo il root del mio Wildfire ed ho notato che non c’è una guida che indica cosa fare, così ho deciso di buttare giù una nota di quello che sto facendo.

Attenzione: non sono responsabile di eventuali “brick” del vostro device.

Prima di tutto andate sul sito di AlphaRev e scaricatevi la beta: attenzione, è una beta quindi c’è la possibilità di non riuscita ma, fino ad ora, sta funzionando con tutti;

una volta avviato ed eseguito le istruzioni, dove avere i permessi di root: per ottenerli, seguite questa guida su XDA;

fatto questo, fatevi un backup di tutto con “Titanium Backup” ed eseguite un Nandroid: per le due operazioni, seguite questa guida sempre su XDA;

siccome ho visto che è uscita una nuova versione di Cloclwork (la 4.0.0.5), ho anche aggiornato quella: la trovate qui (io ho usato questo tool per flashare la nuova recovery);

personalmente ho anche partizionato la SD da Clockwork così da avere 512MB come partizione EXT e 256MB di swap per la ram;

fatto questo, andate ad installare la vostra rom preferita: io ho scelto la Cyanogen 7, che potete trovare qui.

Per le Gapps andate qui: sono presenti quelle aggiornate al 13/06/2011.

Come vedete sono giusto degli input: non chiedetemi come si fa questo o come si fa quello, è per utenti che ne sanno qualcosa.

Ciao!
! 🙂 !

 

Ps.: buona rinascita 😀 .

 

Edit: se avete domande da fare, postatele qui.

Ciao!
! 🙂 !